Dieta, chi mangia male spende 289 euro in più all’anno e mette a rischio la salute


Un’alimentazione sbagliata e uno stile di vita scorretto non solo mettono a rischio la salute futura ma hanno anche un impatto sul portafoglio personale, con un costo extra che si avvicina ai 300 euro a persona, e sul Pil, causandone una contrazione intorno al 3,3%.

La correlazione tra diete e modelli nutrizionali errati, insorgenza di malattie e incremento dei costi economico- sociali è stata evidenziata da uno studio presentato al ministero della Salute e intitolato “Malattie, cibo e salute”, realizzato dalla Fondazione Aletheia, presieduta da Stefano Lucchini, diretta da Riccardo Fargione, con il coordinamento delle attività̀scientifiche del professore Antonio Gasbarrini, preside della Facoltà̀di Medicina e chirurgia dell’Università̀Cattolica del Sacro Cuore.

Foto di Ferdinando Mezzelani GMT sport

Tra i maggiorenni, quasi metà sono in sovrappeso

Lo studio è stato realizzato con il patrocinio del Ministero della Salute, guidato dal Ministro Orazio Schillaci, e ha evidenziato che prendendo il tasso di obesità, una delle principali malattie legate a un’alimentazione basata su prodotti ultraprocessati con l’aggiunta di elevate quantità di additivi chimici, il nostro Paese non ha una situazione così critica. Nel 2023 la quota della popolazione di maggiore età con peso in eccesso era meno della metà, il 46,4%. Negli ultimi venti anni, però, c’è stato un aumento del 7,1% delle persone in sovrappeso e del 36,4% di quelle obese. Ad aumentare molto di più è il diabete: negli ultimi 20 anni l’incidenza di questa patologia è aumentata del 65%. Limitandoci agli ultimi anni la curva è sempre in crescita: si passa infatti da un’incidenza del 6,3% nel 2021 al 6,6% nel 2023.

L’impatto economico

Le malattie legate all’alimentazione e allo stile di vita non corretti fanno lievitare i costi sanitari e, secondo quanto rileva lo studio della Fondazione Aletheia, generano anche una contrazione annua del Pil europeo del 3,3%. Lo studio prova anche a quantificare il costo in euro dell’incremento del sovrappeso legato a stili nutrizionali errati che rappresenta il 9% della spesa sanitaria nazionale: ad ogni italiano costa un’extra “tassa” annuale di 289 euro.

Il ruolo della dieta mediterranea

Tra i principali strumenti per contrastare queste problematiche c’è sicuramente la dieta mediterranea, iscritta nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Per il professor Claudio Franceschi, emerito di immunologia all’Università di Bologna e tra gli autori della ricerca, «la dieta mediterranea rappresenta un elemento cardine per la salute dei cittadini poiché ha una serie di effetti favorevoli sulla composizione corporea, lo stato infiammatorio cronico caratteristico dell’invecchiamento ed anche su tutta una serie di parametri cognitivi».



Fonte: https://www.ilsole24ore.com/art/dieta-chi-mangia-male-spende-289-euro-piu-all-anno-e-mette-rischio-salute-AFh2ZiiC

Back to top button