Pavia: era stato sospeso dall’albo dei commercialisti ma continuava a svolgere la professione. Sequestrati 600 mila euro


Era stato sospeso dall’albo dei dottori commercialisti. I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Pavia – all’esito di un controllo antiriciclaggio – hanno ricostruito le attività condotte nel tempo dal titolare dello studio, un professionista di Stradella abilitato ad esercitare la professione di commercialista fino al 2022, quando è stato sottoposto alla misura cautelare della custodia in carcere per reati di natura fiscale.

A seguito dei fatti giudiziari, l’ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Pavia aveva adottato nei sui confronti un provvedimento di sospensione di cinque anni. Ciononostante, le indagini hanno accertato come il professionista abbia continuato a operare curando gli adempimenti tributari dei propri clienti, provvedendo al deposito di bilanci societari e ponendo in essere tutti gli atti propri dell’attività professionale di commercialista, in modo abituale e continuativo, fatturando le relative prestazioni e incassandone i relativi compensi.

Inoltre, sebbene la sospensione dall’albo avesse comportato nei confronti dello stesso la revoca delle credenziali per l’inoltro all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni fiscali e delle altre specifiche incombenze, il professionista aveva continuato a utilizzare il servizio telematico provvedendo all’inserimento delle pratiche relative ai propri clienti, mediante il ricorso a credenziali di altri colleghi. Per tali prestazioni, il profitto ricavato nel tempo e stato quantificato in oltre 579.000 euro, somma di cui il gip del Tribunale di Pavia ha disposto il sequestro preventivo.



Fonte: https://ticinonotizie.it/pavia-era-stato-sospeso-dallalbo-dei-commercialisti-ma-continuava-a-svolgere-la-professione-sequestrati-600-mila-euro/

Back to top button